CORSO FITOSANITARI

Corso per il rilascio del patentino utile all’utilizzo dei prodotti fitosanitari rivolto a chiunque intenda acquistare o anche soltanto utilizzare, a livello professionale, i prodotti fitosanitari necessari per difendere le piante dai diversi organismi nocivi.

Obiettivi:

Il rilascio ed il rinnovo periodico del patentino certificano che colui che ne è in possesso, il cosiddetto “utilizzatore professionale”, è a conoscenza dei rischi che sono connessi al loro acquisto, alla loro conservazione ed al loro impiego.

Destinatari:

L’utilizzatore professionale è colui che utilizza i prodotti fitosanitari nel corso di un’attività professionale, compresi gli operatori e i tecnici, gli imprenditori e i lavoratori autonomi, sia nel settore agricolo sia in altri settori. Ogni cittadino maggiorenne può partecipare al corso.

per maggiori informazioni potete contattarci ai seguenti recapiti telefonici:

TEL. 099 9465444  oppure  CELL. 335 423 576
oppure ci potete raggiungere presso la nostra sede in Via Capitanata n°3  – TARANTO

Sede di  svolgimento dei corsi: Via Capitanata 3 – Taranto 

                 presso  MDService  : Via Brindisi 36,  Sava (TA)

Sezione Contatti <

ARGOMENTI SPESAL
1. Rischi per operatori (infortuni e malattie professionali) con riferimento al D.lgs. 81/2008;
2. Sintomi di avvelenamento da prodotti fitosanitari, interventi di primo soccorso, informazioni sulle strutture di monitoraggio sanitario e accesso ai relativi servizi per segnalare casi d’incidente;
3. Corrette modalità di trasporto, di stoccaggio dei prodotti fitosanitari, di smaltimento degli imballaggi vuoti e di altro materiale contaminato e dei prodotti fitosanitari in eccesso (comprese le miscele contenute nei serbatoi), in forma sia concentrata che diluita;
4. Corretto uso dei dispositivi di protezione individuale (DPI) e misure di controllo dell’esposizione dell’utilizzatore nelle fasi di manipolazione, miscelazione e applicazione dei prodotti fitosanitari;
5. Attrezzature per l’applicazione dei prodotti fitosanitari;
6. Rischi specifici associati all’uso di attrezzature portatili, agli irroratori a spalla e le relative misure per la gestione del rischio;
7. Modalità di riconoscimento dei sintomi di avvelenamento e acquisizione delle conoscenze sugli interventi di primo soccorso;
8. Corretta interpretazione delle informazioni riportate in etichetta e nelle schede di sicurezza dei prodotti fitosanitari, finalizzata ad una scelta consapevole e ad un impiego appropriato, nel rispetto della salvaguardia ambientale, della tutela della salute e della sicurezza alimentare.

ARGOMENTI SIAN
1. Rischi per i consumatori, gruppi vulnerabili e residenti o che entrano nell’area trattata;
2. Rischi associati all’impiego di prodotti fitosanitari illegali (contraffatti) e metodi utili alla loro identificazione;
3. Rischi per le acque superficiali e sotterranee connessi all’uso dei prodotti fitosanitari e relative misure di mitigazione. Idonee modalità per la gestione delle emergenze in caso di contaminazioni accidentali o di particolari eventi meteorologici che potrebbero comportare rischi di contaminazione da prodotti fitosanitari;
4. Aree specifiche ai sensi degli articoli 14 e 15 del decreto legislativo n. 150/2012;
5. Registrazione delle informazioni su ogni utilizzo dei prodotti fitosanitari;
6. Corretta tenuta dei registri dei trattamenti di cui all’art. 16 comma 3 del decreto legislativo n. 150/2012;
7. Corretta interpretazione delle informazioni riportate in etichetta e nelle schede di sicurezza dei prodotti fitosanitari, finalizzata ad una scelta consapevole e ad un impiego appropriato, nel rispetto della salvaguardia ambientale, della tutela della salute e della sicurezza alimentare;
8. Conoscenze dei rischi ambientali e dei rischi per operatori, residenti e popolazione o gruppi vulnerabili, connessi all’uso dei prodotti fitosanitari, nonché i rischi derivanti da comportamenti errati;
9. Norme a tutela delle aree protette e indicazioni per un corretto impiego dei prodotti fitosanitari nelle medesime aree ed in altre aree specifiche.

ARGOMENTI AGRONOMICI
1) Legislazione nazionale e comunitaria relativa ai prodotti fitosanitari e alla lotta obbligatoria contro gli organismi nocivi;
2) Pericoli e rischi associati ai prodotti fitosanitari:
a) Modalità d’identificazione e controllo;
b) Rischi per le piante non bersaglio, gli insetti benefici, la flora e la fauna selvatiche, la biodiversità e l’ambiente in generale;
3) Strategie e tecniche di difesa integrata, di produzione integrata e di contenimento biologico delle specie nocive nonché principi di agricoltura biologica. Informazioni sui principi generali e sugli orientamenti specifici per coltura e per settore ai fini della difesa integrata, con particolare riguardo alle principali avversità presenti nell’area;
4) Valutazione comparativa dei prodotti fitosanitari, con particolare riferimento ai principi per la scelta dei prodotti fitosanitari che presentano minori rischi per la salute umana, per gli organismi non bersaglio e per l’ambiente;
5) Misure per la riduzione dei rischi per le persone, gli organismi non bersaglio e l’ambiente:
a) Gestione e manutenzione delle macchine irroratrici, con particolare riferimento alle operazioni di regolazione (taratura);
b) Gestione e manutenzione delle attrezzature per l’applicazione di prodotti fitosanitari e tecniche specifiche d’irrorazione (ad esempio irrorazione a basso volume e ugelli a bassa deriva);
6) Registrazione delle informazioni su ogni utilizzo dei prodotti fitosanitari;
Modalità di accesso e conoscenza delle informazioni e servizi a supporto delle tecniche di difese integrate e biologiche messe a disposizione dalle strutture regionali o provinciali;
conoscenze relative all’applicazione delle tecniche di prevenzione e di contenimento degli organismi nocivi, basate sui metodi non chimici

—————————————————————————————————————–

MANUTENTORE DEL VERDE

MANUTENTORE DEL VERDE

Corso Professionale

  1. 154/2016” art. 12, comma 2 del 22 febbraio 2018, con DGR n. 444 del 26/03/2018

“Disposizioni per la formazione del manutentore del verde Formazione Regolamentata soggetta ad autorizzazione da parte della Regione Puglia

PROFILO PROFESSIONALE

 Il Manutentore del Verde allestisce, sistema e manutiene/cura aree verdi, aiuole, parchi, alberature e giardini pubblici e privati.

DESTINATARI CON OBBLIGO FORMATIVO

I corsi sono rivolti a coloro che intendono avviare l’attività di manutentore del verde di cui alla Legge 154/2016.

Per le imprese già attive il corso è rivolto al titolare o al preposto facente parte dell’organico dell’impresa.

OBIETTIVI

Acquisizione delle conoscenze e abilità previste dallo standard professionale:

COMPETENZA 1 – Curare e manutenere aree verdi, parchi e giardini

COMPETENZA 2 – Costruire aree verdi, parchi e giardini

DURATA E ATTESTATO

La durata del corso è di 180 ore minime, delle quali almeno 60 di esercitazioni pratiche.

Ai fini dell’accesso alla verifica finale è stabilito un obbligo di frequenza di almeno l’80% del monte ore

complessivo, sia per la parte di didattica frontale che per la parte pratica.

 Attestato di frequenza con verifica dell’apprendimento, con valore di qualificazione di Manutentore del verde ai sensi dell’art. 12, comma2, della L. 154/2016.

REQUISITI DI ACCESSO

Possesso di diploma di scuola secondaria di primo grado; 18 anni di età ovvero età inferiore purché in possesso di qualifica professionale triennale in assolvimento del diritto dovere all’istruzione e formazione professionale